Dal 30 novembre in libreria

Il Presepe favoloso del Rione Sanità è in corso di stampa 

Testo di Pietro Gargano. Prefazione di Paolo Giulierini. Interventi di Antonio Loffredo, Federico Vacalebre, Peppe Barra, Pierluigi Freda. Fotografie di Sergio Siano. A cura di Carlo Avilio. In appendice: I Personaggi del Presepe. In appendix The Nativity’s Characters. Collana I Ponti, n. 6

scena presepe favoloso

Il Presepe: integrazione, accoglienza e tolleranza

Il Presepe favoloso, apre una porta tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti. Mescola angeli e diavoli. È un presepe vivente anche perché attacca mali contemporanei – vedi il razzismo, le discriminazioni sessuali, il finto perbenismo – pur impiegando elementi della tradizione. Angelo nero

Tradizione e innovazione

Non è solo un’opera d’arte in cui la lotta tra tradizione e contemporaneità si risolve con una sintesi che tocca il cuore a credenti e non, ma anche un contributo importante al dibattito su come lavorare sulle nostre tradizioni. Gli Scuotto, in fondo, guardando a De Simone, operano sui loro pastori come la Nuova Compagnia di canto Popolare (Nccp) fece su villanelle e moresche, riscoprendone il più profondo senso, restituendole con rispetto al nostro vivere contemporaneo. 

maradona scugnizzo_toto e leon

Una scarabattola in cristallo e corten

È nascosto in una sala dietro l’altare, protetto da una teca di cristallo. Si  sviluppa in altezza tra paesaggi vertiginosi che alternano monumenti antichi con marine, appoggiato ad una riproduzione di un banco tufaceo che può essere visitato circolarmente. Qua e là, sono rischiarate dalla luce alcune scene grandiose la cui regìa si deve anche al restauratore e scenografo presepiale Biagio Roscigno. Nel percorso che va dalle Catacombe di San Gennaro alla soleggiata San Martino, quasi una citazione dantesca dalla tenebra alla luce, si notano personaggi strani, talora al limite del mitologico e del mondo pagano, oppure chiari riferimenti alla tradizione antropologica napoletana. C’è tutta l’umanità che si mostra nello spazio e nel tempo, con le proprie speranze, le angosce, talora l’aspetto più tetro della cruda violenza, della paura personificata, della superstizione. Si tratta di una allegoria di quanto l’uomo può arrivare a pensare, costruire, distruggere al contempo: vette ed abissi, cieli ed inferi, come Napoli, come la Sanità.

teca presepe favoloso

 Un mondo sospeso

I diavoli erano scomparsi dagli apparati presepiali, gli Scuotto li hanno recuperati, e sono una folla. Si attestano alla frontiera tra Bene e Male, Luce e Tenebra, Morte e Resurrezione, Sapere e Ignoranza, Sacro e Profano, Ricchezza e Miseria, Abbondanza e Carestia. È la benefica coesistenza degli opposti, nella città teatrale aperta alla convivenza e speranzosa nella redenzione. È un Mondo Sospeso.I demoni sono in bilico sull’abisso, come Napoli da più di duemila anni. E però Napoli è sempre viva, unica grande civiltà sopravvissuta nei millenni.

mammasirena

Formato cm 24x30, 96 pagine, con 100 illustrazioni a colori. Stampato su carta Fedrgoni paper Tatami white, legatura cartonata con risguardi Fedrigoni paper Sirio color lampone. Stampato nelle Officine Grafiche Francesco Giannini & figli S.p.A. Realizzazione grafica Gabriele Rollin.

natività

 Il Presepe Favoloso in mostra permanente presso la sagrestia della Basilica di Santa Maria della Sanità sarà visitabile gratuitamente dal prossimo 8 dicembre